25/04/16 Staffoli

Tante potenzialità per una marcia organizzata col cuore, ma che dimostra certe pecche di superficialità: casino all'iscrizione, km approssimativi, tratti fangosi non adatti a tutti, cartelli a tratti

Sguazza, sguazza Su e Giù per le Cerbaie by Loris Neri
Bel percorso....di sopravvivenza..... by Daniele Fedi

Bel percorso....di sopravvivenza.....

Dopo la bella marcia di Marlia, oggi andiamo a Staffoli.

La località è sempre carina, l'organizzazione tenta sempre grandi cose, poi si perde nei particolari, ma vediamo cosa succede questa volta.

Arrivo alle 7,45 e la marea di podisti viaggia in senso opposto alla mia auto.

Mi fermo un pò, li lascio passare e poi via a cercare un posto per parcheggiare.

Ci sono due trofei e la calca è notevole.

Ore 7,55 sono all' iscrizione...tutto sembra tranquillo, sono partiti quasi tutti.

Con il gruppetto ospedaliero del Giovanni e Mariella, partiamo veloci....nella direzione sbagliata....fermi è di la !!

Ci siamo, l'amico Gianfranco vince il premio come primo fortunato fotografo che ci riprende.

Un gira e rigira per Staffoli City ci fa ammirare i principali punti caratteristici (?) e perfino il CORO ne è rimasto entusiasta.

CORO: parla per te, io non ho visto niente di particolare...

C'è un pò di confusione con qualche cartello, ma dopo un km fra le case, finalmente si scende e si va nel verde dei bei boschi.

Tratto molto bello, i campi ai lati sono in versione LAGO ...pieni di acqua.

Il viottolo scende ed in breve ci sorge un dubbio: se va avanti così non è che finiremo con i piedi nell'acqua?

Certamente no, sarà un' impressione, un effetto ottico......avranno fatto una deviazione...non possono mandarci a mollo....

CORO: invece si....siamo finiti a mollo

Come nei cartoni animati siamo planati piano piano con le caviglie a mollo.

Non scrivo i commenti dei camminatori, perché abbassano notevolmente il livello di scrittura civile....

Siamo con le scarpe piene di acqua e fango, ma a noi podisti temerari non ci fa nulla e proseguiamo ridendo non sapendo cosa ci avrebbe aspettato poco dopo.

La situazione peggiora, un suvvettino va fuori strada, ci si passa male, qualcuno brontola, ma ormai è lo sport nazionale...

Primo ristoro, dove l'organizzazione mostra le prime vere pecche.

Possibile mettere due sole persone a riempire un bicchiere alla volta, con calma, con oltre 1500 partecipanti???

Ripartiamo, la situazione peggiora, dei veri laghi sul percorso, ormai conviene far finta che non ci sia il fango ed andare diritti nella melma.

Qualcuno attraversa un allagamento finendo in una buca in mezzo all'acqua...roba da farsi male.

Percorso di 12 km che saranno poi 10 e spiccioli.

La lunga di 18 sarà di 13,5 km

Dopo i km garfagnini, qui hanno il metro STAFFOLINO.....dotato di dadi per tirare a caso la lunghezza.

CORO: e non è il primo anno....( vedi 3 anni fa)

Arrivo, facile lungo la provinciale e mega ristoro.

Conclusioni:

ci siamo divertiti tantissimo a sguazzare nel fango, ma non tutti possono e vogliono farlo. Pensiamo alle persone anziane che rischiano di farsi male. Si viene per fare una marcia in tranquillità e certi tratti erano al limite del pericoloso.

All'iscrizione la calca era notevole a dimostrare che non conta l'ora di partenza ( 7,30 - 8 ) , ma come viene gestita la cosa.

Qui ci sono due porte: entrata ed uscita, ma se una viene tenuta chiusa è il caos completo.

CORO: tanto finché non ci scappa il fattaccio....che obbligherà a fare cose secondo legge..... continueranno a gestire così alla ...SPERIAMO BENE

- km misurati col dado e monetina....apprezziamo lo sforzo di fantasia

- percorsi belli, i migliori di sempre

- parcheggi ben disposti

- pacco gara....pasta secca di marca

Facendo le cose giuste questa è una marcia bellissima.

Riprovateci, coraggio

Un saluto al Toschi ed all'omino verde conosciuto anche come Maxi Morellino, che hanno fatto la 50 di Romagna...bravi

Ciaooooo

Daniele Fedi