28/12/14 Chiesina Uzzanese
[###]

Fine stagione podistica tra ghiaccio e sole con una corsetta tranquilla a Chiesina Uzzanese.

L'argine della Pescia e le stradine paesane ci scorrono via scricchiolando...

Quattro passi con la pubblica assistenza by Claudio landucci
Quattro passi con la Pubblica Assistenza by FABIO NICCOLI
A Chiesina Uzzanese la mia rilassante ultima tapascionata 2014 by Loris Neri

Le Foto by Claudio landucci

Quattro passi con la Pubblica Assistenza

Domenica mattina, nuova corsa organizzata dalla Pubblica Assistenza di Chiesina Uzzanese, a 15 minuti da casa e prima corsa dopo le abbuffate di Natale e Santo Stefano.

Prima mattina anche veramente fredda, i gradi sono 2° o anche meno come segnala una colonnina elettronica vicina.

Parcheggio a pochi metri dalla sede della Pubblica Assistenza, luogo di ritrovo partenza ed arrivo gara.

Mi preparo con ciclisti, fruit e maglia invernale blu (al suo esordio stagionale a fine dicembre...) del GP, e garmin al polso...l'mp3 fa le bizze e desisto e vado ad iscrivermi.

Alle 8,12 parto.

Breve giro dell'isolato e saliamo sull'argine destro del fiume Pescia e ci dirigiamo verso Ponte Buggianese che raggiungo dopo 2,7 km zigzagabdo tra i camminatori e lottando contro le mani ghiacce....meno male che via via che corro mi si riscaldano.

Attraversato il centro cittadino risaliamo sull'argine, stavolta sinistro e torniamo in su e dopo 2,5 km si scende ed attraversiamo la zona industriale di Chiesina dove trovo il primo ristoro ma dove non riesco a bere perché lenti a ripienare i bicchieri e no ho avuto la voglia di aspettare troppo rischiando di righiacciarmi.

Così proseguo sperando di riuscire a bere al prossimo.

Adesso si corre su asfalto e per un lungo dirizzone che ci porta fino alla località Il Chiodo, nel comune di Pescia dove trovo il secondo ristoro e dove riesco finalmente a bere un teino caldo e dell'acqua.

Di li a poco si risale sull'argine sinistro del Pescia (che percorriamo al rovescio rispetto alla nostra Strachiesina di luglio) fino al ponte di ferro che lo attraversa, tra l'altro lo si deve attraversare facendo attenzione poiché ghiacciato.

Di nuovo sull'argine destro del fiume si torna verso Chiesina e quindi verso l'arrivo dove chiudo i 13,540 km in un buon 1 ora 12'.

Rapido ristoro a base di te caldo e fetta di pane e cioccolata poi una volta ritirato il buon pacco gara torno veloce verso l'auto per cambiarmi e da qui verso casa colazione e doccia.