07/08/14 11a camminata Trofeo Sagra del

Quando una corsa mette in campo belle donne e cibo cosa altro c'è da aggiungere?

Un grazie enorme a chi oggi è venuto a Galleno...

A volte la realtà è migliore di qualche piccolo sogno by Loris Neri
Bello il nuovo percorso by Daniele Fedi

A volte la realtà è migliore di qualche piccolo sogno

7 agosto, seduto sopra uno scoglio sto guardando il mare.

E' un sogno ad occhi aperti, perchè sono ancora a lavorare.

Alle 4 del pomeriggio riesco a staccare la spina. Un'ora d'anticipo per poter fare il mio dovere d'amante degli animali, e per essere pronto ad attendervi a Galleno.

Un po' mi sbaglio, perchè quando arrivo al campo sportivo, trovo tantissimi di voi già belli pimpanti, in attesa dei cartellini.

.

Siamo nella nuova logistica per la sagra della bistecca. Forse migliore, forse no.

Io preferisco la zona chiesa, anche perchè resta vicino alla sede della Podistica Galleno.

Ad ogni modo pare gradita ai podisti (abbiamo ricevuto commenti positivi), e ai mangiatori di bistecca.

.

Saluto, e vengo ricambiato, da compagni e gente conoscente.

C'è chi mi abbraccia, chi mi sorride, chi mi dà la pacca sulla schiena, e chi straripa di allegria, quanto una ragazzina al termine dell'anno scolastico.

La sua gonna bianca e la maglietta multicolor svolazzano come le cicogne nel Padule di fucecchio.

Avete già capito che sto parlando della Sollevatutti Lisena, neo eletta personaggio dell'anno 2013.

Incontrare una persona come lei fa passare in un attimo la stanchezza e le otto ore lavorative.

.

La gente s'avvia passando dal parcheggio, evitando quella stradina a lato dello stesso.

Si dirigono verso il nuovo tratto Francigeno che porta poi in direzione Taralli e la Strada Vicinale di Medicina.

La 4k prenderà per la via Romana, e terminerà allo stadio.

Come podista preferivo i vecchi 4k, quelli che seguivano il tracciato più lungo.

.

Sulla 9,5k andranno quei temerari (oggi era caldo davvero) che faranno i saliscendi di via Ponticelli, poi via Signorini, troveranno Marcello con i suoi dolci bomboloni, risaliranno nella via Francigena, per poi svoltare verso la fonte di Pierdo.

Oggi la sua acqua scendeva in un piccolo e leggero rivolo. Una parte di storia da cui deriva qualcosa di miracoloso.

Dopodichè una salita corta e irta (25%). Tipica delle Cerbaie.

La mia salita (e discesa) d'allenamento. Infatti il percorso francigeno casa-boschetto-fonte Pierdo-Villa Campanile e ritorno, è uno dei miei preferiti. 8.5k vari, sterrati, e dopo le otto ore di lavoro, restano pure sulle gambe.

.

Chi ha fatto la lunga mi avrà incontrato.

Ha visto la mia macchinetta rossa scattare. Ha guardato il mio sorriso, mi ha salutato.

Molti di voi arrancavano su per quella salita.

A ripensarci ora mi torna in mente Cerone. Quando la sua faccia brillava in vetta al suo Zoncolan.

.

Ringrazio quel signore che mi ha detto:

Continua a scrivere e rimani libero di farlo con i tuoi pensieri. Ti ammiro.

Complimenti così è difficile riceverli. In un giorno feriale è una scarica d'andrenalina pura.

.

Il tempo è passato veloce, la luce del giorno scemava e io tornavo verso la via Romana.

Lisena e Antonia sbucavano dalla strada sterrata. come altre decine di persone.

Famiglie, camminatori, cani. Fantastica quella signora con i due che teneva al guinzaglio.

Alle 20.30 ricalcavo la vecchia via Francigena e me ne tornavo allo spazio sagra.

.

C'erano 430 amabili persone. Meno una:

quel simpaticone che per la quinta volta ci frega col suo cartellino scotcciato.

Un piccolo imbecille, che per risparmiare 3 euri, si porta, nella tasca dei pantaloncini, non lo zucchero, o una barretta, ma quel bel nastro trasparente.

Spero che prima o poi gli finisca tra i peli delle palle, attaccandosi come una medusa.

.

Non sembrava neanche giovedì.

Mi avete rimesso al mondo, in attesa di qualche giorno di ferie.

Loris Neri - podistica galleno

.

p.s. Tra poco più di un mese tornate da noi...