23/03/14 Montecatini Terme (PT)

Trofeo Simone Grazzini by Fabio Niccoli

Trofeo Simone Grazzini

Domenica mattina, alzata un po' più tardi del solito: in programma la gara "casalinga"...quel trofeo S. Grazzini che ha il percorso che passa da casa mia e che percorre strade dove di solito mi alleno (o allenavo).

Infatti a Montecatini Terme è in programma la tradizionale gara semi competitiva di km 13,870 che ha come punto di ritrovo partenza ed arrivo il locale stadio Mariotti.

Arrivo sul posto poco dopo le 8 e parcheggio nei pressi dello stadio, piove, ma nella notte ne ha fatta tanta di più e sembra esserci poca gente, poi però man mano che ci si avvicina alle 9 le persone arrivano.

Mi ritrovo con diversi compagni di squadra, vecchi e nuovi ai quali mi presento, mi iscrivo e vado a prepararmi non prima di aver redatto la nostra lista di squadra.

Mattinata uggiosa ma non freddissima quindi per esordire in una competitiva del nuovo anno, ed a 7 mesi dall'ultima, decido per canotta sociale sopra la fruit a manica corta, ciclisti e garmin.

Mi riscaldo un po' poi alle 9 lo sparo dei Giudici Uisp mentre nel frattempo ha smesso di piovere.

Il percorso lo conosco a menadito, via manin in pianura, poi si gira a sinistra in via Don Minzoni prima e Viale Verdi dopo, accenno di pineta e viale Fedeli, il tutto leggermente in salita.

Corro con mio cugino Alessio e Luca, di nuovo a sinistra e siamo sul "vialone delle Panteraie" come lo chiamiamo noi termali, 1,2 km in leggera discesa prima di girare a destra e di iniziare la salita vera e propria, quella che attraverso via Riaffrico ci porta a passare da casa mia, in Località Vico dopo circa 8 km di gara.

Sono rimasto solo, i miei compagni di corsa sono rimasti indietro.

Si passa in meno di 4 km da quota 56 mslm a 243.

Una volta in cima 500 m di respiro scendendo ed arrivando a casa dove ad attendermi come sempre mia moglie Vale che mi scatta le foto, con le bimbe Gaia e Greta alle quali do il cinque, nonché mia madre e mio padre tutti li a farmi il tifo anche se quest'anno il ritmo mio è da passeggiata.

Volevo essere più in forma per questo appuntamento ma come al solito ho dovuto accontentarmi di quello che ho potuto fare in settimana e le domeniche precedenti.

Si prosegue e si sale verso Montecatini Alto tramite via Porta di Borgo, la strada lastricata che sale al castello, piazza Giusti, via delle mura basse e giù a capofitto per la via crucis (che costeggia la centenaria funicolare) che in men che non si dica (tramite una discesa abbastanza pericolosa prima ciottolosa poi su strada resa scivolosa dalla pioggia) ci riporta ai "bagni" (come veniva chiamata la cittadina da noi del Castello) attraverso via Amore (con l'accento però sulla A).

Si sbuca in via Maona sempre in discesa e si ripercorre il Vialone delle Panteraie fino all'ultima deviazione vicino all'Esselunga e da qui finale sulla pista di atletica dello Stadio Mariotti dove chiudo la mia fatica in 1ora14' e spiccioli.

Tempo manco a dirlo peggiore di sempre qui, ma l'importante è aver corso la mia gara, (tra l'altro i soliti avversari, come dico spesso quando mi riaffaccio a qualche competitiva non sono poi troppo lontani...) l'esser passato da casa mia con annesso il tifo familiare.

Rapido ristoro, poi mi cambio in auto anche perché nel frattempo ha ripreso a piovere, e torno veloce verso casa colazione e doccia.