16/03/14 ACCIAIOLO FAUGLIA

Come poteva essere una bella corsa by Daniele Fedi

Le cornicette by Mario Pardella

Come poteva essere una bella corsa

La corsa di Fauglia ha ricordi freschi, anzi gelidi.

Nelle passate edizioni abbiamo trovato spesso il ghiaccio per terra ed un freddo che ti entrava nelle ossa.

Altri tempi, tempi di vero inverno.

La crisi deve aver colpito anche le stagioni, visto che quest'anno ( per fortuna) inverno è stato mite e la primavera assomiglia ad una piccola estate.

Siamo a marzo e sembra di essere a maggio inoltrato.

Coro: no, calma Daniele, stai girando intorno con discorsi del cavolo e non parli della corsa. Cosa ce ne frega se avevi freddo ...... dai dicci della corsa di oggi.

Sembra facile Coro, ma vedi, quando ci sono degli impedimenti è difficile raccontare come è andata.

Coro: ma di che impedimenti vai parlando? mi sembri uscito dai Promessi Sposi.

Vabbé ricominciamo.

Quest'anno la partenza viene annunciata ad Acciaiolo, presso la nuova sede del famoso caseificio della Famiglia Busti.

Ho visto la nuova sede con annesso spaccio qualche mese fa: bellissimo.

Una nota di ottimismo per un'Italia che chiude e va male.

Immagino molti podisti alla partenza e forse qualche problemino per i parcheggi.

Percorso rinnovato in buona parte, ma con i tratti già noti percorsi in senso diverso.

Coro: immagino? problemino? ma dove sei andato ieri? dicci la verità: sei rimasto a letto.

Mannaggia al Coro.

Dopo la corsa a S. Angelo in Campo....dove ho preso freddo per una partenza ritardata.... mi sono sentito male.

Domenica mi sono alzato presto, ma dopo poco ho capito che non ce la facevo a stare in piedi.

Coro: ed hai saltato la bella corsa di Fauglia?

Si, mi dispiace molto, ma è andata così.

Coro: e noi che ti si stava anche a sentire...a perdere tempo con questo che girava e girava senza dire nulla.

Oh...Coro, .. stavo male....ma sai che ti dico?

ciaoooooo

Daniele Fedi

ps:

Coro: non lo sopporto più.