09/02/14 Trofeo Casa Culturale
[###]

Un piacevole arrancare su e giù per le colline sanminiatesi.

21k volati via come il vento che stamani ogni tanto soffiava.

E dall'alto del cielo quelle nubi ci guardavano sornione...

Di San Miniato non ne avrò mai abbastanza by Loris Neri
San Miniato Basso by Fabio Niccoli
S. MINIATO - Prima corsa di Primavera....o quasi by Daniele Fedi

Le Foto by Loris Neri

San Miniato Basso

Domenica, dopo oltre 1 mese senza corse domenicali, mi ripresento ai "nastri di partenza" di una gara.

A San Miniato Basso è in programma la 34^ edizione del Trofeo Casa Culturale con ritrovo partenza ed arrivo proprio dal locale circolo, gara non competitiva che vede riuniti tutti e tre i trofei non competitivi, infatti si nota dalla difficoltà mia di trovare parcheggio che di gente ce n'è tantissima.

Una volta posteggiato dietro la Pam, mi preparo con ciclisti, fruit, maglia invernale bianca rossoblu cerchiata garmin ed mp3 e vado ad iscrivermi.

La mattina si presenta non fredda, almeno non come 2 anni fa quando corsi qui l'ultima volta con nevischio e maxi di 22 km cancellata x neve.

Siamo sui 12° e quindi si sta bene.

Velocemente ritiro il cartellino ed alle 8.16 attacco il garmin.

Come sempre ci si dirige verso Fontevivo, si passa gli impianti sportivi e si prosegue verso La Scala.

Qui si devia a destra salendo verso San Miniato costeggiando il cimitero poi si ridiscende subito.

Passo regolare ma l'assenza di gare si fa sentire anche se negl'ultimissimi giorni ho corso qualche volta di più.

Mega ingorgo appena si esce dall'asfalto e si affronta un tratto veramente fangoso dove è difficile stare anche in piedi.

Una volta superato si sale ancora e si raggiunge quota di 160 mslm non granchè ma con continui saliscendi si sentono anche queste "altezze".

Il percorso è lo stesso di sempre, si gira praticamente sempre intorno a San Miniato senza peraltro mai arrivarci.

Raggiungo e saluto diversi amici/podisti qualche scambio di battute e proseguo fino all'ultima deviazione dove saggiamente prendo per la 16 km optando per una corsa senza stroncarmi come a volte ho fatto in passato osando kilometraggi che non posso permettermi e quindi proseguo in pianura.

Di li a poco ultima pettata impegnativa qualche kilometro in quota, finalmente entriamo in paese ma solo per un breve tratto e per l'ultimo ristoro dove saluto una ragazza con cui negli anni ho battagliato alle corse competitive e si prosegue verso l'arrivo rischiando un po' sull'ultima discesa sterrata e fangosa e chiudendo i 15,860 km ( meno dei 17 e spiccioli di 2 anni fa...)in 1 ora 32'11" non una grande media ma l'ingorgo e le salitelle mi hanno attardato.

Ristoro a base di fette biscottate e cioccolata te caldo e torno verso l'auto, mi cambio e mi dirigo verso casa.