Il Vernacolo

Italia fori dall'Europeo by Marco Cecchella
La differenza fra l'omo e la donna by Marco Cecchella
Intervista a Paul Tergat by Marco Cecchella
I tesserini fidal by Andrea Maggini
Calo degli ascolti a Sanremo by Marco Cecchella
Scandicci by Marco Cecchella
Tre Toscane sul podio by Marco Cecchella
Il mio compleanno by Marco Cecchella
Cui tans tetis pociutis by Tony De Biasio
RGrande Fratello by Marco Cecchella
Il certifiato Medio by Andrea Maggini
Uscita a Lucca by Marco Cecchella
Le notizie in diretta by Marco Cecchella
Si vole la carta by Marco Cecchella

Intervista a Paul Tergat.

Pubblichiamo l'intervista a Paul Tergat, lui il grande Paul ammirato da tutti per la sua sensazionale BerlinMarathon del 2003 in cui ha ottenuto la migliore prestazione mondiale. Una grande intervista effettuata esclusivamente per la Galla.it e per tutti gli assidui frequentatori del nostro sito.
Un Paul che oltre alle sue grandi prestazioni ripercorre con noi la sua origine, le prima corse da bambino...

Non nascondiamo la gioia di essere riusciti ad intervistare un così grande campione. Ringraziamo tutti coloro, e non sono pochi, che ci hanno consentito di entrare in contatto con Paul per effettuare l'intervista.
Ma lasciamo sensazioni e commozioni (anche per noi de La Galla.it è stato emozionante raccogliere una così grande testimonianza) e passiamo direttamente all'intervista.

Paul migliore prestazione mondiale nella mezza, migliore prestazione mondiale in maratona.. ci riepiloghi un po' la tua storia?

Ma devo dì che sono abbastanza 'ontento. Mi riordo guando da piccino andavo di 'orsa a scola. Deh marzavo sempre all'ultimo seondo e pè un fammi fa 'r culo da la maestra correvo a dumila. Arrivavo a scola du seondi prima der suono de' la 'ampanella.
Poi siccome ero dimorto duro mi facevano tornà a scola anco 'rpomeriggio natacci d'un cane! E via anche di pomeriggio a corre. E poi a corre corre corre o cominciato a fa le non competitiva fiaspe de la domenia. Deh ciandavo solo pe' mangià a ristori. Mi riordo c'era na 'orsa si chiamava dar Nilo al Kilimangiaro. So che è stata ripresa anco in Italia nella versione dall'Arno alla Verr'ua. Deh a ristori ti davano di tutto. Mangiavo come un trugulo. Poi ho principiato a vince le prime mortadelle con le 'ompetitive su 5000 e 10000. Ma su diecimila incontravo sempre quel marocchino gile, gillebislbillesie, giblessibilliesiesmie, marianna 'ane un mi reisce mai di pronuncià 'r su nome senza tirà armeno 10 scaracchi! Inzomma 'rGebre piccino piccino ma m'inchiapettava sempre. Lui chiappava sempre prosciutti o la 'oppa (vella che si mangia...si inzomma la spalla!) ed io invece le mortadelline velle piccine!
Poi un giorno mi sono deciso ho fatto la prima mezza. Guardo ho tagliato r'traguardo io cercavo r'ristoro pe' mangià un po' di bruschetta agliata cor vino acido ed invece un giorno mi si sono avvicinati tutti. Mi facevano le foto erano tutti 'ontenti. "Oh andate via che io ciò fame e voglio la bruschetta", ni dicevo....inzomma un m'ero accorto che avevo fatto la migliore prestazione mondiale...

E poi a Berlino?

Un mi parlate di Berlino. All'arrivo un c'era nulla da mangià. Ma come sono venuto costì, m'avete fatto corre corre corre corre e all'arrivo manco un poino di pane cor pomodoro, nianche na' polentina col la sarciccia! Ma io un ci vengo più! Io me ne ritorno a Marlia, a Stiava, a Cisanello li per lo meno fra dorci, polenta, sarcicce godo un poino...
E poi un ti dio. Appena arrivati m'hanno stioccato in testa na corona d'alloro. O per chi m'hanno preso per Dante Alloghiero? Vella corona buava...ma lasciami dì buoava..... Ma armeno m'è servita pè condì poi alla sera l'arrosto che m'aveva preparato la mi fia!

Paul ma hai imparato bene l'Italiano, sento anche una leggera pronuncia labronica.

Deh labronia? Un mi sembra. Pole esse.... magari sai ogni tanto vado ar centro Coni a Tirrenia. Li fra gavettoni tra pisani e livornesi... pole esse che ho chiappato varche infressione!


Ma l'accento pare abbastanza marcato....Paul mi sembra che tu stia sudando!

Sudando? No deve essere vesta luce....poi c'è termosifoni accesi....poi sai mi so allenato....

Paul, ma ti sta scolando della vernice sulla pelle.... ma sotto sei bianco...ma cos'è lucido da scarpe?

Un mi sembra?

Si si stai scolando...ma...ma... tu un sei Paul Tergat!

Deh bellino deh....ma seondo te Paul Tergat veniva a fà un'intervista a voi briai de la Galla.itte... e poi oggi un'è 'rprimo d'Aprile che t'aspettavi Paul Tergat vero? Povero bischero datti na svegliata ed appicciati vesto pesce vi sur groppone!

Ma allora tu chi sei?

Deh so Paolo Terga di Livorno. Pe la precisazione de L'Ardenza di Livorno, lavoro ar mercatino ameriano...ma sono disposto a fa tutto. Anzi sa cosa si potrebbe fa'. R' prossimo anno tanto il gebregibilessie, gebrebrebilissiessiessie...izomma lulì farà siuramente la migliore prestazione der mondo....senza che mi metto 'r lucido da scarpe (tanto via internette un ci vede nessuno!) mi potresti fa una intervista ed io fingo 'osì d'esse lui. Cosa ne dici si pole fa?

_________________________________________________

Ci scusiamo con il lettore per il contrattempo. Effettivamente il forte accento labronico di Paul poco si addiceva ad un keniano. Faremo sicuramente maggiore attenzione durante le prossime interviste.

Intanto se volete sapere qualcosa in più su Paolo Terga accedete direttamente al suo sito www.paoloterga.it