Il Vernacolo

Italia fori dall'Europeo by Marco Cecchella
La differenza fra l'omo e la donna by Marco Cecchella
Intervista a Paul Tergat by Marco Cecchella
I tesserini fidal by Andrea Maggini
Calo degli ascolti a Sanremo by Marco Cecchella
Scandicci by Marco Cecchella
Tre Toscane sul podio by Marco Cecchella
Il mio compleanno by Marco Cecchella
Cui tans tetis pociutis by Tony De Biasio
RGrande Fratello by Marco Cecchella
Il certifiato Medio by Andrea Maggini
Uscita a Lucca by Marco Cecchella
Le notizie in diretta by Marco Cecchella
Si vole la carta by Marco Cecchella

Cui tans, ttis pociutis (By Tony De Biasio)

Li fminis ch'i cr i no sn tantis,
De ches ch'i cr tetnis a nd' pocis,
E ches ch'i nd' n i li strns ch'i no ble:
Cui te n' vs tans, ttis te n' vs pocitis.

Ma duti i sn compagnis, bili o brutis,
I fn fado ch'i cre o ch'i se imble.
I cui t'iu vrdis per e no t'iu tcis
Ma cuant ch'i fan tir: i sn man santis!

(Che te li pssis tu o i te psse lou,
La prospetivo a sempre chet: davou)

Traduzione
 

Culi tanti, tette pochine

 

Le donne che corrono non sono tante,

di quelle che corrono tettone ce n' poche,

e quelle che le hanno le stringono perch non ballino:

Culi ne vedi tanti, tette ne vedi pochine

 

Ma tutte sono uguali, belle o brutte,

fanno tutte fatica che corrano o che si imballino.

I culi li guardi per e non li tocchi

Ma quanto fanno tirare: sono mani sante!

 

(Che le sorpassi tu o ti sorpassino loro, la prospettiva sempre quella: dietro)