Il Vernacolo

Italia fori dall'Europeo by Marco Cecchella
La differenza fra l'omo e la donna by Marco Cecchella
Intervista a Paul Tergat by Marco Cecchella
I tesserini fidal by Andrea Maggini
Calo degli ascolti a Sanremo by Marco Cecchella
Scandicci by Marco Cecchella
Tre Toscane sul podio by Marco Cecchella
Il mio compleanno by Marco Cecchella
Cui tans tetis pociutis by Tony De Biasio
RGrande Fratello by Marco Cecchella
Il certifiato Medio by Andrea Maggini
Uscita a Lucca by Marco Cecchella
Le notizie in diretta by Marco Cecchella
Si vole la carta by Marco Cecchella

O' quell'uscita a Lucca...

 

Permettetimi di di' varcosa su quell'uscita dell'autostrada a Lucca. E' un'uscita che noi podisti si fa spesso guando si va a corre in provincia di Lucca.

 

L'artra sera me ne tornavo tranquillo, tranquillo dalla Polonia, dopo na settimana di sdiaccio che più di 'osì un si pole, guando 'r comandante der purmanne volante (deh era un ATR di velli a ventola!) cià comuniato: "Bimbi e un si pole atterrà! A Pisa c'è la nebbia...ci tocca andà a Firenze!". "Marainna 'ane" è stata l'escramazione corale di tutti i passeggeri (anche di una cicciona inglese seduta di fianco a me!).

'N zomma per farla breve s'atterra a Firenze ('rPilota pe un andà a spiaciassi sur monte tanto pè cambià cià finito freni!). A quer punto, gli sono andato un ber pezzo in domo ar purmino organizzato dalla luftanza e ho chiappato un baroccio a noleggio alla Avisse.

Sono passato per Moteatini, Artopascio, e finarmente sono sortito a Lucca. Deh, qui arriva 'r bello! Si sorte e si 'omincia a girà che se un ni stai attento rischi di girà pe' du ore...o di tornà a Firenze!

 

La prima vorta che l'ho fatto, appena sortito mi accorgo che un mi fanno più svoltà a destra 'ome na vorta. Mi fanno andà diritto e guarda 'aso mi ritrovo proprio davanti ar Mecdonalde. A quer punto figlioli in macchina hanno 'ominciato "babbo si va da mecdonalde", "mi 'ompri l'amburgher", "mi 'ompri l'eppimil". Meno male che Giustina aveva legato Simone...si perchè io filglioli in macchina un li lego mia pe' siurezza...deh li lego pe stà un poino tranquillo...N'somma i filioli mi s'erano tutti agitati. Appena ho girato a sinistra (a destra, per Pisa, un si pole più girà) lasciando alle mie spalle Mecdonalde, in macchina è scoppiata la rivoluzione. Simone ha 'ominciato a pigià di tutto bordone la seggiola davanti... urlava come un pazzo! Ho messo ciuaua a tutta ma urlava più forte lui!

 

Finarmente m'allontano da quel luogo pensando "o' dove ci mandano ora?". Prima ho rischiato di richiappà l'autostrada e tornarmene a Firenze, poi guardando bene 'artelli ho preso la strada giusta. Tempo du' minuti ed ero...ed ero...di novo davanti ar' Mecdonalde. Deh allora lo fate apposta!. Simone che aveva 'ominciato a lanciare messaggi di pace dopo una lunga trattativa con Giustina, a riprincipiato a tutto bordone "voglio l'eppimil!" assumendo sempre più le sembianze di billanden!

Da quer giorno, se ciò figlioli in macchina o sorto a Artopascio o a Migliarino! Deh mi 'osta meno!

 

Ora dio io, volevo fa 'omplimenti a quell'omo che l'ha pensata vell'uscita. Anzi sono ben lieto di prestagli  figlioli per una bella girata in macchina e fare quei due giri (sono circa 400 metri come na pista d'atretia) che ci fanno fa all'uscita a Lucca! ...dopo du seondi cor' mi Simone in macchina, seondo me fa sbrindellà tutti ponti e come minimo 'ostruice un drittone che ci porta diretti a Pisa!